Suppergiù ha fame di design: intervista a Mister S

Suppergiù Design, e la filiale londinese More or less, costituiscono una realtà giovane e innovativa che si occupa di interior design, industrial design, art direction e comunicazione visiva. Nato nel 2019, ha saputo tessere intorno a sé una valida rete di contatti professionali, partner e prestigiose collaborazioni internazionali.
In occasione del mancato Salone 2020 abbiamo intervistato Mister S, sfuggente demiurgo che ha dato vita al provocatorio progetto industriale che sta sconvolgendo il mondo del design e le nostre abitudini.


Dal 2019 sei a capo di Suppergiù, noto brand. Sarò provocatorio come le tue idee: non parliamo di design, raccontami come è nato il vostro progetto editoriale?

L’idea di una rivista monografica, che non si prendesse troppo sul serio, mi è frullata in testa per anni. Ho cercato più volte di avviare il progetto assieme ad altre persone: mi piaceva la possibilità di condividere le idee e il lavoro. Tuttavia, ogni volta che si tentava di partire con il primo numero, la collaborazione si arenava; ci ho provato varie volte nel corso degli anni, credimi. Forse non decollava perché il mio proposito era di lavorare all’insegna della condivisione, senza la prospettiva di un ritorno economico.
A inizio estate 2019 mi sono detto: “ora basta, lo faccio da solo” e sono partito. È nato così Suppergiù Magazine. Ho poi definito l’argomento dei primi due numeri, che ho realizzato rapidamente.
Parlando del progetto con alcuni amici – in particolare due – sono arrivati dapprima consigli e idee, in seguito – soprattutto durante l’elaborazione degli ultimi numeri – anche aiuti consistenti, sia in fase di brainstorming sia in fase di progettazione e stampa.

Gratuito e per tutti, basta contattare la redazione di Suppergiù per ricevere una o più copie. Cosa ti ha condotto a questa scelta? Non sarai mica un Bollinger Bolshevik!?

Prima di rispondere ho dovuto cercare su Google cosa fosse un Bollinger Bolshevik 🙂 Io direi proprio che non lo sono ma dovrei chiedere a chi mi conosce bene. Scherzi a parte, la stampa e la distribuzione di questa rivista comportano certamente un certo sforzo economico. Prima di avviare tutto ho fatto i miei calcoli e li faccio tuttora, ogni volta che stampo. Non potrò sicuramente andare avanti così per sempre e credo che il progetto Suppergiù (così come si presenta ora) dovrà avere per forza un termine. Poi valuterò se e in che modalità continuare; probabilmente meno uscite nel corso dell’anno e più curate. C’è comunque chi spende molto al mese per scarpe e abbigliamento, a me questo non interessa molto e ho deciso di investire in qualcosa che mi piace.
Tornando alla tua prima domanda: mentre pensavo a come strutturare Suppergiù 1, riflettevo sul fatto che quasi nessuno dà qualcosa gratis. L’idea della condivisione, come dicevo prima, mi è sempre piaciuta molto e mi stuzzicava l’idea di far girare qualche cosa un po’ serio e un po’ frivolo allo stesso tempo, qualcosa che venisse da me e che ci tenevo a fare. Gli obiettivi principali sono divertirmi e sperimentare, e poi comunicare qualcosa. Regalare la rivista è forse anche un modo per non suscitare imbarazzo o senso di obbligazione. Forse lo faccio anche per evitare critiche troppo ingombranti: se ti piace te la do e ne sono contento, altrimenti lasciala per qualcun altro. Inoltre, ero curioso di vedere se così facendo sarebbero sorte collaborazioni e/o scambi, e per ora non sono stato deluso. Ti anticipo anche che il numero 11 verrà stampato per la prima volta senza spendere nulla.



previous arrow
next arrow
Slider


Ogni pubblicazione un formato e una tecnica di stampa diversa: da quali esigenze nasce questa tua scelta?

In realtà il formato è più o meno costante: si tratta approssimativamente di un A4 per ogni uscita, anche se è vero che ogni numero di Suppergiù è realizzato in modo differente: rilegatura con punti metallici, piega a portafoglio, fogli sciolti, etc. Le tecniche di stampa sì variano molto. Come dicevo è un progetto sperimentale e prima di tutto voglio fare qualcosa che mi piaccia davvero, che mi stimoli e che mi diverta, perciò devo variare. Siccome gli argomenti trattati da Suppergiù sono sempre differenti, trovo sensato che grafica e supporto cambino anch’essi.

Dietro Mister S si cela un docente e un esperto artista che ama profondamente il suo lavoro: quanto è importante la presenza cartacea in questi tempi di smaterializzazione e quale il tuo rapporto con i social?

Per me la carta è molto importante. Io amo tantissimo il digitale e ne sono un consumatore entusiasta ma lo vedo come un complemento al cartaceo. Adoro la “materia” e mi entusiasma vedere come un’idea si possa incarnare in modi diversi nell’oggetto fisico. Se stampi qualcosa in digitale vedrai e toccherai la tua idea in un modo, se usi la serigrafia o la stampa offset lo stesso soggetto si trasformerà in qualcosa di differente, e così anche variando il supporto cartaceo: questo mi piace moltissimo. Ci sono cose che – almeno per me – non potranno mai rimpiazzare la carta; il digitale fornisce un’alternativa ma non è la stessa cosa e questo vale ovviamente anche in senso inverso.
Per quel che riguarda la seconda domanda: uso molto i social, soprattutto Instagram, e scopro così una miriade di cose. Questo avvicinare immagini e persone penso sia davvero incredibile e lo adoro. Allo stesso tempo mi rendo conto dell’estrema velocità con cui si muove tutto: mi capita di scorrere le immagini così velocemente da non ricordare nemmeno i nomi degli artisti che ho visto poco prima. Troppe informazioni. Troppe, troppe. Non le riesco a immagazzinare e quindi le perdo. Al contrario, il supporto fisico ha una presenza e permanenza che mi conforta. Sono da sempre un gran feticista degli oggetti: dischi, libri, cd, riviste, oggetti inutili.

Come nasce il tuo ultimo numero su Salone/Fuori salone e cosa vuol dire per te provocare?

Gli argomenti che affronto in Suppergiù sono scelti a volte casualmente, altre volte come parodia o approfondimento di qualche cosa. Tento sempre di essere ironico e leggero anche se mi rendo conto che spesso viene fuori anche un po’ di seriosità, e forse anche la volontà di provocare a cui accenni. Per me provocare significa spingere a riflettere o a considerare una cosa da un altro punto di vista, anche se questo può arrivare a dare un po’ fastidio.
Il tema di Suppergiù 9 sarebbe dovuto uscire prima: ad aprile, quando normalmente si tengono a Milano il Salone del Mobile e il Fuorisalone. L’idea era di parodiare bonariamente queste manifestazioni, che mi piacciono molto tra l’altro. Tuttavia il mondo dell’interior design – come quello dell’arte contemporanea e della grafica – spesso mi fanno sorridere: tanti termini altisonanti che spesso non comunicano nulla di concreto e servono solo per giustificare prezzi irragionevoli o per vendere ciò che ha deciso il mercato dell’arte, per esempio. In seguito alla diffusione del COVID19 si era detto inizialmente che il Salone sarebbe stato spostato a giugno, e poi è stato annullato tutto. Ho deciso comunque di stampare questo numero di Suppergiù entro fine giugno; peccato solo non poterlo distribuire in via Tortona durante il sabato pomeriggio del Fuorisalone.

A cura di Marco Roberto Marelli


Instagram: suppergiu_magazine


Caption

Suppergiù #1 – Settembre 2019, idea e grafica Suppergiù – Courtesy Suppergiù

Suppergiù #7 – Primavera 2020, idea e grafica Suppergiù, stampa a cura di Tipografia Mistero (tipografiamistero) – Courtesy Suppergiù

Suppergiù #8 – Primavera 2020, idea e grafica Suppergiù, stampa a cura di Suppergiù e a__b___random – Courtesy Suppergiù

Suppergiù #5 – Gennaio 2020, idea e grafica Suppergiù, illustrazioni di Martino Santori (martipesci) – Courtesy Suppergiù

Io – Courtesy Suppergiù