In conversazione con i Rimini Protokoll sul progetto Fase Nove // Assolo Urbano alla Casa degli Artisti

Segue versione in italiano

Casa degli Artisti is a white spacious building on the corner between Corso Garibaldi 89/a and via Tommaso da Cazzaniga in Milan. Crossing the entrance gate, the visitors are welcomed in a small internal courtyard where you can see a bistro and a large exhibition space. Yet, what you can’t avoid to notice is the reflection of morning lights on the large windows that overlook the courtyard from the upper floors. It is there, behind those large glasses, that Ekin Bozkurt, Chiara Campara, Giulia Oglialoro, Riccardo Tabilio, and Francesco Venturi, worked as artists in residence. As winners of the second call launched by the Casa degli Artisti, they inhabited those spaces as their studios and ateliers. Today, after more than six months of work, they present Fase Nove // Assolo Urbano, a project developed under the guidance of the German collective Rimini Protokoll.
We discussed with Jörg Karrenbauer from Rimini to know how the project has been developed.


How did the collaboration with Casa degli Artisti start?

On the occasion of its new opening, we were invited, by Casa degli Artisti, together with Zona K, to be mentors of the residency proposed by Casa degli Artisti. After the experience of Remote Milano, our latest project here, we were very happy to be back in Milan.

Starting from this collaboration, how did the project develop?

As Rimini Protokoll in 2006 we transformed a truck into an audience space of fifty seats, replacing one of the two sides of the truck with a large window. Spectators seated on one side of the truck could watch the cityscape slide across the glass while the truck kept moving. We thought it would be interesting to launch an open call entirely structured around the idea of ​​using this trailer, and to transport the traveling auditorium through the places that wake up during the night.

What criteria did you follow to choose the artists to work with?

Initially, we were interested in making people change perspective, and transforming reality into a real stage. So the artists would have worked a lot in relation to the idea of ​​a traveling audience space, producing contents related to the truck as a device of fruition and movement. This was certainly one of the main criteria that led us to select a journalist, a playwright, a composer, a sound designer and a filmmaker.

After the spread of Covid-19, many events and projects have been canceled or have undergone changes. How did you rethought the project in relation to the current state of emergency?

The original project was called Turno di Notte, and it reflected on what happens in the city during night hours. The truck would have guided viewers through those places where people work at night, showing another side of the city. The selected artists would have created specific works related to this nocturnal shift. Whereas, following the growing spread of Covid and the enormous impact this situation has had on the creative industry, we preferred to work on what was happening. We certainly weren’t interested in talking about the virus as such, but reflecting on how, in times of emergency, anything irrelevant to the system immediately loses relevance. This is the case of artists and cultural venues managed by individuals, that nobody knows how they will be supported.

The name of the current project is Fase Nove // Assolo Urbano, which easely draws the attention to what could be a solitary way of experience, according to the measure of social distancing. What does the title refer to?

We tried to actively tackle the impossibility of enjoying a performance with other people, looking for ways to deal with social distancing. In fact, Fase Nove // Assolo Urbano, is a project that each person can experience alone. The five artists in residence, Ekin Bozkurt (sound designer), Chiara Campara (filmmaker), Giulia Oglialoro (author, journalist), Riccardo Tabilio (playwright author), and Francesco Venturi (composer), have produced audio installations, that people can listen to through a device equipped with headphones. In this way, the viewer is guided through iconic or unusual places linked to the art scene in Milan. Fase Nove refers to a research developed in nine phases that attempts to answer questions relating to the value of art, reflecting on what would happen if we start to imagine a reality that erases the artistic experience, and consequently who generates it. The name of the project also refers to the nine places along the tour that lead to reflect on the meaning of art in the modern world: “What would happen if each of these venues would close down and art disappeared?”

It reminds me of the audio guides that you can find in a museum, the city of Milan becomes an open-air exhibition about artists and cultural venues. Where does it start and how did you structure the tour?

We thought that the first spot of the tour should be Casa degli Artisti, as a symbolic place for discussions and meetings for all those who feel part of this category. From here we have structured a path of nine spots that last about ten minutes each. Following the tour, the public will be able to listen to interviews with experts, (some of these could also be very surprising), and audio tracks relating to the selected spots. We interacted with very collaborative venues, some of them also very well known, in an attempt to show them under different lights.

This project, as many others of you, deconstructs the classic relationship between audience and stage. Roles are often reversed or confused, expanding the sectoral definition of what is called “theater”, “performance art” or “visual art”. What is your multidisciplinary approach based on?

Certainly, I would not say that we are visual artists since the result of most of our works takes a theatrical form, but what mainly leads us to use other languages ​​is the interest in changing viewers’ perspective, involving them beyond the protective sphere of a theater chair. What we do is looking at everyday life from another angle and trying to frame reality so that we can capture what is theatrical in the routine. That is why we often involve real people and let them take part in our performances as actors of their own story. Whether all this can still be defined as theater or not, is one of the questions we ask the spectators who take part in Fase Nove project. We hope that by going throughout the tour we will be able, in the end, to imagine an answer.



previous arrow
next arrow
Slider


Casa degli Artisti è un edificio milanese bianco e spazioso che fa angolo tra Corso Garibaldi 89/a e via Tommaso da Cazzaniga. Attraversando il cancello d’ingresso, un piccolo cortile interno accoglie i visitatori, dai vetri del pian terreno già si scorge un bistrot e un ampio spazio espositivo. Ciò che non si può fare a meno di notare è il riflesso delle ampie vetrate che dai piani superiori affacciano sul cortile e riflettono ogni tanto un po’ di luce del mattino. È lì, dietro quelle grandi finestre, che Ekin Bozkurt, Chiara Campara, Giulia Oglialoro, Riccardo Tabilio, e Francesco Venturi, vincitori della seconda call lanciata dalla Casa degli Artisti, hanno trascorso un periodo di residenza, abitando quegli spazi come propri studi e atelier d’artista. Oggi, dopo più di sei mesi di lavoro, presentano Fase Nove // Assolo Urbano, progetto sviluppato con la guida del collettivo tedesco Rimini Protokoll.
Abbiamo dialogato con Jörg Karrenbauer, dei Rimini, per scoprire come si è realizzata questa collaborazione.


Come è nata la collaborazione con Casa degli Artisti?

In occasione della sua nuova inaugurazione, siamo stati invitati, insieme con Zona K, a prendere parte alla residenza proposta da Casa degli Artisti, seguendo il progetto come mentori. Dopo l’esperienza di Remote Milano, il nostro ultimo progetto in città, eravamo molto felici di tornare.

Da questa collaborazione in che modo si è sviluppato il progetto di residenza?

Come Rimini Protokoll nel 2006 abbiamo trasformato un camion in una platea in grado di accogliere cinquanta spettatori, sostituendo uno dei due lati del furgone con una vetrina. Gli spettatori seduti da un lato potevano guardare il paesaggio urbano scorrere sul vetro, mentre il camion continuava il suo percorso. Così, abbiamo pensato che sarebbe stato interessante lanciare una open call interamente strutturata attorno all’idea di utilizzare questo rimorchio, e trasportare un auditorium viaggiante attraverso i luoghi della città che si risvegliano durante le ore notturne.

Secondo quali criteri avete scelto gli artisti con cui sviluppare questo percorso?

Ciò che inizialmente ci interessava era attuare un cambio di prospettiva, trasformare la realtà in un vero palcoscenico che scorre davanti agli occhi degli spettatori in movimento. Gli artisti avrebbero lavorato molto in relazione all’idea di platea viaggiante, producendo contenuti legati al furgone come device di fruizione e spostamento. Questo è stato sicuramente uno dei criteri principali che ci ha portato a selezionare un giornalista, un drammaturgo, un compositore, un sound designer e un filmmaker.

A seguito dell’aggravarsi dell’emergenza Covid-19, molti eventi e progetti hanno subito delle modifiche o addirittura sono stati cancellati. Com’è stato ripensato il lavoro sviluppato durante i primi mesi di residenza in relazione all’attuale stato di emergenza?

Il progetto originario si chiamava Turno di Notte, e rifletteva su ciò che accade in città durante le ore notturne. Stavamo strutturando un percorso che avrebbe guidato gli spettatori attraverso i luoghi della città in cui si lavora di notte. Gli artisti selezionati avrebbero realizzato dei lavori specifici relativi a questo spostamento notturno, ma a seguito della crescente diffusione del Covid e l’enorme impatto che questa situazione ha avuto sull’industria creativa, abbiamo preferito lavorare su ciò che stava accadendo. Certamente non ci interessava parlare del virus in quanto tale, ma riflettere su come in una situazione di emergenza tutto ciò che è irrilevante al sistema perde immediatamente di interesse. Questo è il caso degli artisti e di tutti quei centri culturali gestiti da privati, di cui difficilmente ci si chiede in che modo verranno supportati.

Il nome del progetto attuale è Fase Nove // Assolo Urbano, e lascia già presagire una modalità di fruizione solitaria, che collima con le odierne disposizioni anti affollamento. A che cosa si riferisce il titolo?

Abbiamo cercato di agire attivamente contro l’impossibilità di fruire una performance con altre persone, e delle modalità che potessero superare gli ostacoli del distanziamento, infatti Fase nove // Assolo Urbano è un viaggio che ogni persona può esperire da sola. I cinque artisti in residenza, Ekin Bozkurt (sound designer), Chiara Campara (film maker), Giulia Oglialoro (autrice, giornalista), Riccardo Tabilio (autore drammaturgo), e Francesco Venturi (compositore), hanno prodotto installazioni audio, fruibili mediante un dispositivo dotato di cuffie. In questo modo lo spettatore viene guidato attraverso luoghi iconici o insoliti, tutti legati al panorama dell’arte a Milano. La fase nove si riferisce a una ricerca sviluppata in nove fasi che tenta di rispondere a domande relative al valore dell’arte, riflettendo su cosa accadrebbe se si arrivasse a immaginare una realtà che annulli l’esperienza artistica, e di conseguenza chi la genera.
Il nome del progetto fa anche riferimento ai nove luoghi del percorso che portano a riflettere sul significato dell’arte nel mondo moderno: “Cosa accadrebbe se ognuno di questi centri creativi dovesse chiudere e l’arte andasse lentamente scomparendo?”

Questo tipo di fruizione mi ricorda molto le audio guide che si possono reperire nei musei, come se in questo contesto la città di Milano diventasse un museo a cielo aperto e a essere raccontati non fossero i pezzi d’arte ma gli stessi artisti e le istituzioni culturali. Da dove parte e come avete strutturato il percorso?

Abbiamo pensato che la prima tappa del tour dovesse essere la Casa degli Artisti, come luogo simbolico di confronto e ritrovo per tutti coloro che si sentono parte di questa categoria. Di qui abbiamo strutturato un percorso di nove tappe che durassero ognuna circa dieci minuti. Seguendo il tour, il pubblico potrà ascoltare interviste a esperti – alcune di queste potrebbero risultare anche molto sorprendenti – e tracce audio relative alle tappe selezionate. Ci siamo relazionati con spazi molto collaborativi, alcuni di questi anche molto noti, nel tentativo di mostrarli sotto luci diverse.

In questo, come in molti altri dei vostri progetti, viene destrutturata l’idea di pubblico-palcoscenico. Spesso i ruoli si invertono o si confondono, espandendo la definizione settoriale di ciò che è definito “teatro”, “arte performativa” o “arte visiva”. Su cosa si fonda il vostro approccio così multidisciplinare?

Certamente, non mi sento di dire che siamo artisti visivi poiché il risultato della maggior parte dei nostri lavori prende una forma teatrale, ma ciò che principalmente ci porta a spaziare utilizzando altri linguaggi è l’interessa nel cambiare la prospettiva dello spettatore, coinvolgendolo al di fuori della sfera protettiva della poltrona di un teatro. Ciò che facciamo è guardare la vita quotidiana da un’altra angolazione e provare a inquadrare la realtà in modo che si possa captare della teatralità anche nei momenti più banali e quotidiani. Per questo spesso coinvolgiamo persone reali e lasciamo che prendano parte alle nostre performance come attori della loro stessa storia. Se tutto questo possa essere ancora definito teatro oppure no è, tra l’altro, una delle domande che poniamo agli spettatori che prendono parte al progetto Fase Nove. Speriamo che attraversando tutte le tappe del percorso si riesca, alla fine, a immaginare una risposta.

Mida Fiore


Fase Nove // Assolo Urbano

progetto sviluppato con il collettivo Rimini Protokoll

Posticipato causa emergenza sanitaria, date in via di definzione.

Casa degli Artisti – Corso Garibaldi, 89/A, via Tommaso da Cazzaniga – Milano

www.casadegliartisti.net

Instagram: casadegliartisti_milano


Caption

Gruppo di artisti nel Giardino Lea Garofalo – Courtesy Casa degli Artisti

Gruppo di artisti durante lo sviluppo di Fase Nove // Assolo Urbano – Courtesy Casa degli Artisti

Ekin Bozkurt in Fondazione Feltrinelli – Courtesy Casa degli Artisti

Giulia Oglialoro in Casa degli Artisti – Courtesy Casa degli Artisti

Spettatore – Courtesy Casa degli Artisti