INTERVISTA A YURI LANDMAN

A seguire, versione in italiano

We interviewed Yuri Landman: musician, lutist, Dutch musicologist, manufacturer of unique experimental electric instruments (“hypercustom”) also used by many famous artists such as: Lee Ranaldo, Thurston Moore, Jad Fair, HEALTH, Liars. Recently he was a guest of Ikigai Room in Bologna with one of his workshops.


How long have you been an artist and what are the differences between when you started your career and today?

I started my artistic career as a comic book artist, and published my first book in 1996. A second one in 1997. Meanwhile I also played in a band called Zoppo and we released several albums. I quit both around 2000 and began building my own instruments after seeing and hearing Bradford Reed’s Pencilina instrument. At that time I owned a comic book store and had learned carpentry myself by making closets and displays for the bookstore. I knew from that moment I was capable to also build instruments, just put strings on wood and amplify it.

The difference came gradually. I always had little jobs till 2010 besides my artistic career. Comic books (coming of age graphic novels), noise rock and experimental musical instruments are avant-garde fringe scenes in which it is very complex to develop a sustainable job and income due to the absence of a decent network, infrastructure, distribution system and media attention. So it takes a while to create those paths. Since a few years, when the academic recognition appeared on the educational and research aspects, things got better and better. I’ve the feeling my battle is fading out and things go easier.

Can you describe the relationship between sound and vision?

Not sure if you mean visual or vision?
I assume the first.
I regard a performance as well as an instrument design multimedia art pieces. It’s both sound and visual art. A guy on stage with 10.000 knobs and cables can be intruiging at first sight, though my criticism on such performances is that the machine is sexy, the guy not, the performance either. You have to move, or talk or sing. At least communicate with the audience and not only with special sound. But I also understand that is not always easy or everybody’s talent.

In regard to my microtonal research the answer is different. The harmonic series are self-organized as a fractal and therefore has a vast overlap with many visual structures appearing in nature. Ranging from Chladni-patterns, cymatics, Lichtenberg figures, fundamental mathmatical fractals (Cantor series, Farey sequence, Koch snow fractal) to lesser known overlaps. I was for instance in the train from Bordeaux to Toulouse and saw wineyards. They have a similar grid like military cemetaries and feature a lot of bigger and smaller lanes. Each time a new wineyard popped up, I saw identical lanes on the same positions in front of me. I quickly realized it was composed as the harmonic spectrum (the musical scale that is present on many of my string instruments).

What are your favorite books, artworks, records? What are the latest shows have you seen? Your inspirations?

I’m an avid collector of comic books: I buy everything of Tardi, Moebius, Manara, Pratt, Burns, Munoz, Baru, Blain, Chester Brown, Dave Cooper, Tezuka, Tatsumi, Mizuki and about a 1000 other heroes in that art form, haha!

Artworks I prefer to buy in books, since I then better feel the flow of the artist’s development. Pretty much every big modernist I like. I don’t have a strong connection with pre 1900 classical European art (as well as music). Also contemporary museum and gallery art I often find overvalued. I rather visit a squaded factory with walls of street art, of small simple art in magazines, on instagram or whatever. I prefer intuitive DIY above considered academic. Though there exist always exception that put in a healthy disbalance forcing me to be not black and white in my opinion.

Records: everything or most of Sonic Youth, Velvet Underground, Smog, Barret, Guided by Voices, Neutral Milk Hotel, early The Cure, Melt-Banana, Fugazi, Minor Threat, Blonde Redhead. And The Residents’ Commercial Album and Deliah Derbishire’s Ziwzih Ziwzih OO-OO-OO song.

Not my last show I’ve seen but the ones that struck me most in recent years were the gigs of Goat (Japan), Black Dice, Ex-Easter Island Head, Tomoko Sauvage, Nisennenmondai, Neutral Milk Hotel. And every year I go to a Blonde Redhead show, but that feels almost like nostalgic guilty pleasure. But they are so good and beautiful.

My inspirations are not really a surprise I think: Comics: Jacques Tardi, music: Sonic Youth, David Bowie, Throbbing Gristle. Regarding music philosophy the best links are Harry Partch, Eno, Tony Conrad and Branca. The self motivation to build instruments with a specific timbre comes from sound hallucinations I had in my youth and teenager years during flu nightmares. I heard similar sounds in The Cure’s Pornography album and even more in Sonic Youth’s Sonic Death and Confusion is Sex. After seeing pictures of Sonic Youths early screwdriver guitars I realized it was not just an arty dadaesque punk statement. I studied chemics and physics at that time and realized their playing techniques were based on overtone theory I had seen on oscilloscopes in the classroom. I wanted to capture that sound and better understand how it related to the short circuitries occuring in my brain when I was 40 degrees hot.

Many important musicians like Lee Ranaldo, Thurston Moore,Jad Fair, HEALTH, Liars, Micachu and Melt-Banana have had theprivilege of using your musical instruments – What is yourrelationship with music? Can you define it?

The bands were my promotional 2006-2009 activities. Most of them got the instruments for free and hardly played on it. It created a bonding though and I felt it very rewarding to do this for them, since I had the feeling all of these heroes have superior talent on the subject of easthetics and sound philosophy. The instruments were basically a portrait I painted after seeing them playing live and sharing thoughts and fascinations.

I only did it for a few years, because I’m rather critical for who I would work. One condition was that I already had all their cds. I’d make exceptions for Portishead, Radiohead and Bjork that I deeply respect but not listen too. David Bowie was on my wish list, but of course too impossible to reach and now too late.

Your next projects or stages around the world?

Concerning Italy:
I might be in Milano beginning of Nov (it’s now in negotiation). December Node Festival workshop in Modena.
Bigger plans are completing my book on harmonics theory and nature (a headache project I work on for 5 years). And I fell in love with comics again after ten years, have made a storyboard for a new comic. But lack of time is a bug. I also have to complete a +/-300 string instrument for a funding I received. So busy enough. Meanwhile I continue my ungoing tour as a teacher/artist traveling through Europe to make a living.



Yuri Landman
previous arrow
next arrow
Slider


Abbiamo intervistato Yuri Landman: musicista, liutaio, musicologo olandese, costruttore di strumenti elettrici sperimentali unici (“hypercustom”) utilizzati anche da tanti artisti celebri come: Lee Ranaldo, Thurston Moore, Jad Fair, HEALTH, Liars. Recentemente è stato ospite dell’associazione culturale Ikigai Room, a Bologna, per uno dei suoi workshop.


Da quanto tempo sei un artista e quali sono le differenze fra i tuoi esordi e oggi?

Ho iniziato la mia carriera come artista di fumetti e ho pubblicato il mio primo libro nel 1996. Un secondo nel 1997. Nel frattempo ho anche suonato in una band chiamata Zoppo e abbiamo pubblicato diversi album. Ho lasciato entrambi intorno al 2000 e ho iniziato a costruire i miei strumenti dopo aver visto e sentito lo strumento Pencilina di Bradford Reed. A quel tempo possedevo un negozio di fumetti e avevo realizzato io stesso armadi e container per la libreria. Da quel momento ho capito che ero anche in grado di costruire strumenti, mettere semplicemente corde sul legno e poi amplificarlo.

Le differenze si sono avvertite gradualmente. Ho sempre avuto piccoli progetti fino al 2010, oltre alla mia carriera artistica. Fumetti, graphic novel, noise rock e strumenti musicali sperimentali sono scene marginali d’avanguardia in cui è molto complesso sviluppare un lavoro e un reddito sostenibili a causa dell’assenza di una rete, di infrastrutture, di sistemi di distribuzione e media decenti. Quindi, ci vuole un po’ di tempo per creare progetti solidi. Da alcuni anni, da quando il riconoscimento accademico è apparso tra gli ambiti educativi e di ricerca, le cose sono andate via via migliorando. Ho la sensazione che la mia battaglia stia progredendo, le cose scorrono più facilmente.

Puoi descrivere la relazione tra suono e visione?

Non sono sicuro se tu per “visione” intenda “visivo” o “visione”. Presumo il primo.
Considero la performance alla stregua di uno strumento per la progettazione di opere d’arte multimediali: è sia suono sia arte visiva. Un ragazzo sul palco, con 10.000 manopole e cavi, può essere intrigante a prima vista, anche se penso che siano la strumentazione e la performance a essere sexy, non il ragazzo. Devi muoverti, parlare o cantare. È fondamentale comunicare con il pubblico e non concentrarsi solamente sul suono. Capisco che non sia sempre facile, è questione di talento, non è da tutti.

Per quanto riguarda la mia ricerca microtonale, la risposta è diversa. Le serie armoniche sono auto-organizzate come frattali e quindi hanno una corrispondenza con molte strutture visive che appaiono in natura: dai modelli Chladni, la cimatica, le figure di Lichtenberg, i frattali matematici fondamentali (serie Cantor, sequenza Farey, frattale di neve di Koch) a sovrapposizioni meno note. Per esempio, mi trovavo in treno da Bordeaux a Tolosa e ho notato dei vigneti. Hanno una griglia simile ai cimiteri militari e dispongono di molte corsie sia grandi sia piccole. Ogni volta che appariva un nuovo vigneto, notavo corsie identiche nelle stesse posizioni. Mi resi presto conto che avevano la composizione simile allo spettro armonico (la scala musicale presente su molti dei miei strumenti a corda).

Quali sono i tuoi libri, opere d’arte, dischi preferiti? Quali sono gli ultimi spettacoli che hai visto? Le tue ispirazioni?

Sono un appassionato collezionista di fumetti: compro tutto di Tardi, Moebius, Manara, Pratt, Burns, Munoz, Baru, Blain, Chester Brown, Dave Cooper, Tezuka, Tatsumi, Mizuki e altri 1000 eroi!

Non ho un forte legame con l’arte europea classica pre-1900 (così come la musica). Anche l’arte contemporanea presente nei musei e nelle gallerie la trovo spesso sopravvalutata. Preferisco visitare una fabbrica squadrata con interventi di street art, guardare immagini su riviste, su Instagram o altro. Preferisco il “fai da te” intuitivo a tutto ciò che viene considerato “accademico”, sebbene esistano sempre delle eccezioni.

Per quanto riguarda i dischi: tutto o quasi tutti di Sonic Youth, Velvet Underground, Smog, Barret, Guided by Voices, Neutral Milk Hotel; i primi The Cure, Melt-Banana, Fugazi, Minor Threat, Blonde Redhead; l’album dei The Residents The Commercial Album e l’opera Ziwzih Ziwzih OO-OO-OO di Delia Derbyshire.

Gli spettacoli che mi hanno colpito di più negli ultimi anni sono stati i concerti di Goat (Giappone), Black Dice, Ex-Easter Island Head, Tomoko Sauvage, Nisennenmondai, Neutral Milk Hotel. Ogni anno vado a un concerto dei Blonde Redhead, sembra quasi un nostalgico piacere, ma sono così dannatamente bravi e belli.

Le mie ispirazioni non sono una sorpresa, penso ai fumetti (Jacques Tardi) e alla musica (Sonic Youth, David Bowie, Throbbing Gristle). Per quanto riguarda la filosofia musicale, i migliori sono Harry Partch, Brian Eno, Tony Conrad e Branca. La motivazione che mi ha portato a costruire strumenti con un timbro specifico deriva da intuizioni che ho avuto in gioventù, durante l’adolescenza, e da alcuni incubi influenzali. Ho ascoltato suoni simili nell’album Pornography dei The Cure e ancora di più in Sonic Death e Confusion is Sex dei Sonic Youth. Dopo aver visto le foto delle prime “chitarre suonate con il cacciavite” dei Sonic Youths, mi sono reso conto che non si trattava solamente di una dichiarazione punk. All’epoca studiavo chimica e fisica e mi resi conto che le loro tecniche erano basate sulla teoria del suono che avevo visto attraverso gli oscilloscopi in classe. Volevo catturare quelle sonorità e capire come fossero correlate ai cortocircuiti che si verificavano nel mio cervello quando avevo la febbre molto alta.

Molti musicisti importanti come Lee Ranaldo, Thurston Moore, Jad Fair, HEALTH, Liars, Micachu e Melt-Banana hanno avuto il privilegio di usare i tuoi strumenti. Qual è il tuo rapporto con la musica? Puoi definirlo?

Le band sono state le mie attività promozionali nel periodo 2006-2009. La maggior parte ha ottenuto gli strumenti gratuitamente per poi suonarli poco. Tuttavia ho creato un legame con gli artisti e sono stato contento di collaborare perché ho avuto la sensazione che avessero un talento superiore in materia sia di estetica sia di filosofia del suono. Gli strumenti sono stati fondamentalmente un ritratto che ho “dipinto” dopo averli visti suonare dal vivo e dopo aver condiviso pensieri affascinanti.
L’ho fatto solo per alcuni anni perché sono piuttosto critico verso le persone con cui lavoro. Una condizione era che avevo già tutti i loro cd. Ora farei eccezioni per Portishead, Radiohead e Bjork, che rispetto profondamente, ma che tuttavia non ascolto molto. David Bowie era nella mia lista dei desideri, ma ovviamente impossibile da raggiungere e ora purtroppo troppo tardi.

I tuoi prossimi progetti o live in tutto il mondo?

Per quanto riguarda l’Italia: potrei essere a Milano all’inizio di novembre (siamo in trattativa). Poi ci sarà un workshop a dicembre con il Node Festival di Modena.
Sto anche completando il mio libro sulla teoria e la natura delle armoniche (un progetto su cui lavoro da 5 anni). Inoltre, mi sono innamorato di nuovo dei fumetti, dopo dieci anni ho realizzato uno storyboard per un nuovo progetto ma la mancanza di tempo è sempre un problema. Sto anche completando uno strumento a corda frutto di un finanziamento che ho ricevuto. Nel frattempo continuo il mio tour come insegnante / artista in viaggio attraverso l’Europa per guadagnarmi da vivere.

A cura di Federica Fiumelli


www.hypercustom.nl

Instagram: yurilandman


Caption

Yuri Landaman, Helicopters by iii – Courtesy l’artista

Yuri Landman, perfromance in Oslo – Courtesy l’artista, ph Christian Blandoelthe

Yuri Landman with the collection of his musical instruments – Courtesy l’artista, ph Tom Janssen



Please follow and like us: