Intervista CiRCA69

A seguire, versione in italiano

Simon Wilkinson, aka CiRCA 69, is a transmedia artist, point of reference for the international scene. He combines videogames system design, electronic music, online performance, artificial intelligence, virtual reality, augmented reality and other experimental technologies to present transmedia experiences which invite prolonged and profound audience engagement. The audience, at the centre of the art piece, is called to experiment a creative role in its development. He is one of the guest artists of this year’s PerAspera Festival in Bologna.


You have a brilliant and international artist careerwhat are the differences between when you startedand today?

Back when I first started I wasn’t really ready for an audience, I was finding myself, trying to figure out what questions I had about the world and how I might want to ask them. That period was all about ‘playing’ around with everything; painting, music, cinema, performance, everything. I thought I would choose one art form from those few possibilities and focus on it but then in the meantime the world changed: the internet came along and it became very obvious that it was no longer appropriate in the same way to be one kind of artist only. The incredible technology available for making work, the culture of internet, the importance of video games as an artistic medium, all of these things came along and changed everything. So now my career is still about play but in a different way. I would say I make playful media and my aim is for the audience to participate in rather than simply consume what I make. I want the audience to have a role in how the work unfolds and develops. So what I create is very much more of a question than a statement. The big change of course is that now I do have an audience and in the past four years that has seen my work touring to 30 countries across six continents and Italy has become one of the more important audiences for me since I have been here now very many times.

Can you tell us how the The Third Day is born, a very interesting title of your interactive installation hosted in the spaces of Adiacenze for Peraspera festival? What topics does the installation cover?

I started making this work after doing a residency at Cambridge University exploring artificial intelligence. Like many I am interested in that potential moment when Ai develops a general understanding of our world, when it out performs us on a general level. More specifically, however, I’m interested in the correlation between the predicament of Ai at that point and our human predicament right now. The term ‘post truth’ emerged a few years ago and in a way it is hilariously the most post truth term ever created because it pre-presumes we ever had a moment of ‘truth’ which we didn’t. We are in existential crisis right now because we are in a moment of ‘post-consensus’ and the burning question which sits behind our need to find something to call truth or reality is the same one which has always plagued us: we are standing on a ball which is floating through space and we have no idea why. When artificial intelligences become conscious how will they tackle this question? That was my starting point.

Your long immersive performance Whilst The Rest Were Sleeping has toured 25 nations in five continents in the last three years. Can you tell us briefly what it is about this project?

In a way all my shows tackle the same question: how do we know what to believe, what is real or not real, and does it matter? That show presented a fake story of a mass disappearance from 1959 to a very large audience around the world. I made that audience believe that the story was true, despite the fact that the story was inconceivably bizarre, by using the same types of propagandist persuasive techniques utilised by PR agencies, governments and corporations in the kinds of endeavours which we are subject to in a daily basis. I then revealed the story to be untrue as a means for starting a conversation with audiences about what we should do about the sheer amount of persuasive lies which exist in our world. This was a very interesting project, some people got angry, others appreciated what I was trying to achieve.

Your interests are multiple from game design, electronic music, online performances, artificial intelligence, virtual reality, augmented reality and other experimental technologies – in what direction is the current artistic experiment going? Your opinion?

With my collaborator Myra Appannah I have created a new company called BRiGHTBLACK. Together we have created something called the Immersive StoryLab which is linked to a number of universities around the world and its aim is to investigate current audience trends across the full spectrum of culture to figure out what kinds of work artists should be creating if they want to include as many people as possible in the work they create.

Firstly it is very clear that video gaming is now the most important cultural medium on the planet by far. Beyond that in general terms interactive content is growing and non-interactive work is in quite rapid decline. Most important of all, we feel, the phenomena of #newpower coming out of internet culture gives us the strongest indication of how things are moving. The conclusion of all of this is that artists will reach many more people if they allow audiences to participate meaningfully, to engage with important questions which resonate strongly in the world. This is critical because if we accept that culture is about us, as human beings, sharing stories, perspectives and dialogues which help us make sense of the world then it can only ever be properly be considered ‘culture’ if it reaching a full spectrum of people from across our communities. As it stands much of what is considered culture engages only a narrow demographic and that has to change.

Your next projects or stages around the world?

As CiRCA69 I am continuing to develop The Third Day, developing more of the novel and VR installations. As BRiGHTBLACK with Myra Appannah we are touring Immersive StoryLab, curating playful media exhibitions and new VR and video game based performance works through to the end of 2019 to Montenegro, Bosnia, Belgium and Australia. Our new show A Unique And Spectacular Moment will also feature in PERASPERA.



previous arrow
next arrow
Slider


Simon Wilkinson, aka CiRCA69, è artista transmediale britannico di riferimento per la scena internazionale, combina game design, musica elettronica, performance online, intelligenza artificiale, realtà virtuale, realtà aumentata e altre tecnologie sperimentali per presentare esperienze transmediali che invitano a un coinvolgimento profondo e prolungato dei partecipanti, chiamati a sperimentare un ruolo creativo significativo nello sviluppo dell’opera, al centro della narrazione. Wilkinson è uno degli artisti ospiti dell’edizione 2019 di PerAspera Festival a Bologna.


La tua è una carriera artistica brillante e internazionale, quali sono le differenze tra gli inizi e oggi?

Quando ho iniziato, non ero davvero pronto per un pubblico, stavo trovando me stesso, cercando di capire quali domande avevo sul mondo e come avrei potuto porle. Quel periodo riguardava il “giocare / sperimentare” con tutto: pittura, musica, cinema, performance. Ho pensato di scegliere una forma d’arte tra quelle e di concentrarmi su di essa, ma nel frattempo il mondo è cambiato: è arrivata la rete, Internet, ed è diventato molto evidente che non bastava più essere un artista “monotono”. L’incredibile sviluppo della tecnologia disponibile per creare nuovi lavori, la cultura di Internet, l’importanza dei videogiochi come mezzo artistico: tutte queste cose sono esplose e hanno cambiato tutto. Quindi, ora la mia carriera riguarda ancora il “gioco”, lo “sperimentare”, ma in modo diverso. Direi che mi occupo di media interattivi e il mio obiettivo è far partecipare il pubblico piuttosto che far consumare semplicemente ciò che faccio. Voglio che il pubblico abbia un ruolo nel modo in cui il lavoro si svolge e si sviluppa. Quello che creo è molto più una domanda che un’affermazione. Il grande cambiamento, ovviamente, è che ora ho un pubblico e negli ultimi quattro anni ho visto il mio lavoro in tournée in 30 paesi e sei continenti; l’Italia è diventata uno dei punti più importanti per me.

Puoi dirci come è nata The Third Day, la tua installazione interattiva ospitata negli spazi di Adiacenze in occasione del festival PerAspera? Quali argomenti tratta?

Ho iniziato a lavorare a questo progetto dopo una residenza all’università di Cambridge e dopo aver avuto l’opportunità di esplorare l’intelligenza artificiale. Come molti, sono interessato a quel potenziale momento in cui l’AI sviluppa una comprensione generale del nostro mondo, quando si mostra a livello generale. Più specificamente, tuttavia, sono interessato alla correlazione tra la situazione di AI a un determinato sviluppo e la nostra situazione umana in un dato momento. Il termine “post truth” è emerso alcuni anni fa e, in un certo senso, è il concetto più “post post verità” mai creato perché presume che non abbiamo mai avuto un momento di “verità”. Siamo in crisi esistenziale proprio in questo momento storico perché ci troviamo in una situazione di “post-consenso”; la domanda scottante che sta dietro il nostro bisogno di trovare qualcosa da poter chiamare verità o realtà è la stessa che ci ha sempre afflitto, siamo in piedi su una palla che fluttua nello spazio e non abbiamo idea del perché. Quando le intelligenze artificiali diventeranno consapevoli, come affronteranno questa domanda? Questo è stato il mio punto di partenza.

La tua monumentale performance “Whilst The Rest Were Sleeping” ha girato 25 nazioni in sei continenti negli ultimi tre anni. Puoi dirci brevemente di cosa tratta questo progetto?

In un certo senso tutti i miei lavori affrontano la stessa domanda: come sappiamo in cosa credere? cosa è reale o non reale? quanto questa consapevolezza è importante? Quello show ha presentato la finta storia di una scomparsa di massa nel 1959 a un vasto pubblico in tutto il mondo. Ho fatto credere alle persone che la storia fosse vera, nonostante il suo essere inconcepibilmente bizzarra; l’ho fatto usando gli stessi tipi di tecniche persuasive propagandistiche utilizzate da agenzie di pubbliche relazioni, governi e società a cui siamo soggetti quotidianamente. Ho successivamente rivelato la falsità della storia per iniziare una conversazione con il pubblico su cosa potessimo fare per riflettere sulla quantità di bugie persuasive che esistono nel nostro mondo. Questo è stato un progetto molto interessante, alcune persone si sono arrabbiate, altre hanno apprezzato ciò che stavo cercando di realizzare.

I tuoi interessi sono molteplici: game design, musica elettronica, performance online, intelligenza artificiale, realtà virtuale, realtà aumentata e altre tecnologie sperimentali; secondo te, in quale direzione sta andando l’attuale sperimentazioneartistica?

Con la mia collaboratrice Myra Appannah ho fondato una nuova società chiamata BRiGHTBLACK. Insieme abbiamo creato il progetto Immersive StoryLab, è collegato a un certo numero di università in tutto il mondo e il suo scopo è quello di indagare le tendenze attuali del pubblico, attraverso l’intero spettro della cultura, per capire quali tipi di lavoro dovrebbero essere creati dagli artisti se vogliono includere quante più persone possibile nei progetti che sviluppano. Innanzitutto, è molto chiaro che il videogioco è di gran lunga il mezzo culturale più importante del pianeta. Oltre a questo, in generale, i media interattivi sono in crescita e i lavori non interattivi in rapido declino. Soprattutto, riteniamo che i fenomeni di #newpower che escono dalla cultura di Internet diano la più importante indicazione di come si stiano muovendo le cose. La conclusione di tutto ciò è che gli artisti raggiungeranno molte più persone se consentiranno al pubblico di partecipare in modo significativo, di impegnarsi con questioni importanti che risuonano fortemente nel mondo. Questo è fondamentale, la cultura riguarda tutti in quanto esseri umani che condividono storie, prospettive e dialoghi che ci aiutano a dare un senso al mondo; solo in questo modo possiamo correttamente considerarla “cultura”, solo se raggiunge un ampio numero di persone provenienti da molteplici comunità. Attualmente, gran parte di ciò che è considerato cultura coinvolge solo una demografia ristretta: questo deve cambiare.

I tuoi prossimi progetti?

Come CiRCA69 continuerò a lavorare su The Third Day sviluppando un numero maggiore di romanzi e installazioni VR. Con BriGHTBLACK, insieme a Myra Appannah, andremo in tournée attraverso Immersive StoryLab, curando mostre di media interattivi e nuove performance, basate su VR e videogiochi, fino alla fine del 2019 in Montenegro, Bosnia, Belgio e Australia. Il nostro nuovo spettacolo A Unique And Spectacular Moment è ora presente anche a Peraspera Festival [NdR: A Bologna, dal 5 al 12 settembre].

A cura di Federica Fiumelli


www.circa69.co.uk

Instagram: circa69uk


Caption

CiRCA69, The Third Day – Courtesy l’artista

CiRCA69, The Third Day – Courtesy l’artista

CiRCA69, The Third Day – Courtesy l’artista

CiRCA69 – Portrait by Grazia Perilli – Courtesy l’artista



Please follow and like us: