Intervista a Zimoun

Zimoun, a Swiss artist, is one of the most successful and interesting names on the international art scene. His works, site-specific installations, often large, are to all intents and purposes environments that inevitably dialogue with the host exhibition space.
Zimoun’s installations involve both sight and hearing, perception is questioned every time, and the effect that all the poor materials involved create is totally amazing. The visitor is always involved in artworks made up of hundreds of cardboard boxes, cotton balls, woods, electric motors, fans – authentic theaters of a vibrant, electric and refined sound, every time to be discovered.


We often begin our conversations with this question: what are, in your opinion, the differences between your beginnings and today? Do you have memories related to the first exhibitions?

That’s hard to say: I did small exhibitions already as a little child. That was of course more of a ‘kids-game’, organised by myself. My parents had just recently told me that I had explained to them several times when I was a child that there was no need to go to school anymore, because I wanted to be active in art and therefore I would better use the time already now to work rather than going to school. But I failed convincing them and had to continue going to school. In this sense, I would say a lot has changed between that time and today. Fortunately I no longer have to go to school anymore! (laughing)

Our column has a very specific name: Sound and Vision. Can you describe the relationship between sound and vision? Your artworks are a perfect synthesis of this combination, but what if you had to define it in words?

I am not quite clear how this question is meant. In one way or another there is probably a part of ‘vision’ in every creation, in every invention, and perhaps even just in the openness to discovery.

What are your favorite books, works of art, records? Those you remember as foundations for your career as an artist. Your inspirations?

I think almost everything is inspiring in a way or an other somehow. Not necessarily other artists only, but in my case also nature, architecture, society, science, philosophies, engeneering, technology, behavors, systems and organisms, psycho activities… it’s an endless list. For instance I am always fascinated by any kind of experts who are obsessed with what they do and therefore know a lot about their specific field. It inspires me to be in exchange with such people. As example: For a while I was regularily in touch with Danielle Mersch, a scientist who was working at the Ants Laboratory at the University of Lausanne at that time. She is specialized in the research of the social behaviour of ants. She showed me the ants lab and all the research they are doing and its current state, passed me current papers and demonstrated how they work and the methods they use. It was very fascinating and inspiring on various levels. Since my teenage age I also feel a strong connection to all kind of Minimalism. In music, in arts, in architecture, in construction, in living. The artist I was studying the most during my teenage-time was John Cage. I was not mainly fascinated by the works he created, but by his personality, his understanding of all kind of noises and silence in a musical context, as well by his thinking about sound, society, the world and universe, and all the methods and principles he developed to create his works.

In 2016 I was lucky enough to see your exhibition 605 prepared dc-motors, cardboard boxescurated by Fillippo Aldovini of Node Festival, in Modena at the Palazzina dei Giardini Margherita. A perfect setting, a riot of architecture and sound. What memory do you have of that exhibition? Are you planning to return to Italy in the future?

Yes, there are nice memories of this exhibition and especially of all the warm people we met and helped us to set up the exhibition. We had a lot of fun. It is always great when several works can be shown at the same time, but each work can still occupy its own space. This was the case in Modena. In this way the visitor can experimentally experience the differences, but also the similarities between the works – from various perspectives.

How do you imagine the post-pandemic artistic scenario? And how did you go through the lockdown period, how much did it affect your production and research?

For me and my studio this pandemic was and is a big challenge. Almost all our exhibitions of 2020 were cancelled or postponed within a few days. For many exhibitions the new dates are still unclear. As I work mainly in a space-specific way, the exhibition space is an essential element of a work and cannot be realised in isolation from it. At the same time this compulsory break gives room for further experiments and research in the studio.
What I find more problematic is the global handling of the pandemic and the long-term consequences that are likely to result from it. I expect that art, culture and social commitment will probably continue to suffer for a very long time. An incredible amount of money has been shifted in a very short time. At the end, I fear the rich will become even richer and the poor even poorer once again. Here in Switzerland, it has always been said that the big corporations are systemically important and therefore need to be saved with public money at any price, and this even without any further conditions such as the pushing forward of environmental protection or social commitment etc. Nobody has ever asked the question whether this system itself, which apparently has to be maintained by all means and is based on profit and growth only, is really the system we want to keep and if we really think is a future for it. Even economists say that this will not work in the long run anymore. I would like us to use such crises to also discuss such deeper questions and develop ideas and visions where we really want to go, instead of just trying to leave things as they were before.



previous arrow
next arrow
Slider


Zimoun, artista svizzero, è fra i nomi più affermati e interessanti della scena artistica internazionale. Le sue opere, installazioni site-specific, spesso di grandi dimensioni, sono a tutti gli effetti degli ambienti che inevitabilmente dialogano con lo spazio ospitante.
Le installazioni di Zimoun coinvolgono sia la vista sia l’udito, la percezione viene messa ogni volta in questione e l’effetto che tutti i materiali poveri coinvolti creano, è stupefacente. Si viene così coinvolti in opere composte da centinaia di scatole di cartone, sfere di cotone, legni, motorini elettrici, ventilatori – autentici teatri di una sonorità vibrante, elettrica e raffinata, ogni volta da scoprire.

Spesso iniziamo le nostre conversazioni con questa domanda: quali sono, secondo te, le differenze tra i tuoi inizi e oggi? Hai ricordi legati alle prime mostre?

Difficile da dire; ho iniziato a fare piccole esposizioni già da molto giovane. All’inizio era più un “gioco per bambini”, organizzato da me. I miei genitori mi hanno ricordato di quando ero bambino e spiegavo loro di essere già pronto per lavorare nel mondo dell’arte e che potevo anche fare a meno di studiare. Ma non sono riuscito a convincerli e ho dovuto continuare ad andare a scuola. In questo senso, direi che molto è cambiato da quel momento a oggi. Per fortuna non devo più andare a scuola! (ride)

La nostra rubrica ha un nome ben preciso: Sound and Vision. Puoi descrivere la relazione tra suono e visione? Le tue opere sono una sintesi perfetta di questo connubio, ma se dovessi definirlo a parole?

Non so nello specifico cosa intenda veramente la domanda. In un modo o nell’altro c’è probabilmente una parte della “visione” in ogni creazione, in ogni invenzione e forse anche solo nell’apertura alla scoperta.

Quali sono i tuoi libri, opere d’arte, dischi preferiti? Quelle che ricordi come le basi per la tua carriera di artista. Le tue ispirazioni?

Penso che quasi tutto sia stimolante in un modo o nell’altro. Non necessariamente solo altri artisti, ma nel mio caso anche natura, architettura, società, scienza, filosofie, ingegneria, tecnologia, comportamenti, sistemi e organismi, attività psicologiche: è una lista infinita. Ad esempio, sono sempre stato affascinato da qualsiasi tipo di esperto che è ossessionato da quello che fa e quindi sa molto sul proprio campo specifico. Mi ispira scambiare idee con queste persone. Per un po’ di tempo sono stato regolarmente in contatto con Danielle Mersch, una scienziata che all’epoca lavorava presso il Laboratorio delle formiche dell’Università di Losanna. È specializzata nella ricerca del comportamento sociale delle formiche. Mi ha mostrato il laboratorio e tutte le ricerche che stanno facendo e il loro stato attuale, mi ha prestato documenti, ha mostrato i metodi che utilizzano e come funzionano. È stato molto affascinante e stimolante. Fin dalla mia adolescenza ho sempre sentito anche un forte legame con ogni tipo di minimalismo. Nella musica, nelle arti, nell’architettura, nell’edilizia, nella vita. L’artista che ho studiato di più durante la mia adolescenza è stato John Cage. Non ero principalmente affascinato dalle opere che ha creato, ma dalla sua personalità, dalla sua comprensione di tutti i tipi di rumori e silenzio in un contesto musicale, nonché dal suo pensiero sul suono, la società, il mondo e l’universo, e tutti i metodi e principi che ha sviluppato per creare le sue opere.

Nel 2016 ho avuto la fortuna di vedere la tua mostra 605prepared dc-motors, cardboard boxescurata da Fillippo Aldovini di Node Festival a Modena, presso la Palazzina dei Giardini Margherita. Un ambiente perfetto, un tripudio di architettura e suono. Che ricordo hai di quella mostra? Hai intenzione di tornare in Italia in futuro?

Sì, ci sono bei ricordi di questa mostra e soprattutto di tutte le persone cordiali che abbiamo incontrato e che ci hanno aiutato ad allestire. Ci siamo divertiti molto. È sempre bello poter mostrare più opere contemporaneamente, ma ogni opera può comunque occupare il proprio spazio. È stato il caso di Modena. In questo modo il visitatore può sperimentare dal vivo le differenze ma anche le somiglianze tra le opere – da diverse prospettive.

Come immagini lo scenario artistico post-pandemia? Come hai attraversato il periodo di blocco e quanto ha influenzato la tua produzione e ricerca?

Per me e il mio studio è stata ed è una grande sfida. Quasi tutte le nostre fiere del 2020 sono state cancellate o posticipate. Per molte mostre le nuove date non sono ancora chiare. Poiché lavoro principalmente in modo specifico per lo spazio, lo spazio espositivo è un elemento essenziale di un’opera e non può essere realizzato isolatamente da essa. Allo stesso tempo, questa pausa obbligatoria dà spazio a ulteriori sperimentazioni e ricerche in studio.
Quello che trovo più problematico è la gestione globale della pandemia e le conseguenze a lungo termine che potrebbero derivarne. Mi aspetto che l’arte, la cultura e l’impegno sociale continueranno probabilmente a soffrire per molto tempo. Un’incredibile quantità di denaro è stata spostata in brevissimo tempo. Alla fine, temo che i ricchi diventeranno ancora più ricchi e i poveri ancora più poveri. Qui in Svizzera, si è sempre detto che le grandi multinazionali hanno importanza sistemica e quindi devono essere salvate con denaro pubblico a qualsiasi prezzo, e questo anche senza ulteriori condizioni come la promozione della protezione ambientale o dell’impegno sociale, etc. Nessuno si è mai chiesto se questo sistema, che a quanto pare deve essere mantenuto con tutti i mezzi e si basa solo sul profitto e sulla crescita, è davvero il sistema che vogliamo mantenere e se pensiamo davvero a un futuro simile. Anche gli economisti dicono che questo non funzionerà più a lungo termine. Vorrei che usassimo tali crisi anche per discutere questioni profonde e sviluppare idee e nuove visioni su dove vogliamo davvero andare, invece di cercare di lasciare le cose come erano prima.

A cura di Federica Fiumelli


www.zimoun.net

Instagram: studiozimoun

Video: www.vimeo.com/7235817


Caption

Zimoun, 28 prepared dc-motors, 168 m hemp cord, 279 m2 paper, 2018 – Courtesy Studio Zimoun

Zimoun, 297 prepared dc-motors, 1247 m rope, wooden stick 19 cm, cardboard boxes 10x10x10 cm, 2019 – Courtesy Studio Zimoun

Zimoun, 300 prepared dc-motors, 27 kg wood, 2016 – Courtesy Studio Zimoun

Zimoun, 117 prepared dc-motors, 210 kg wood, 170 m rope, 2016 – Courtesy Studio Zimoun