Five questions for Bartolomeo Migliore

Bartolomeo Migliore (Sentena 1960),  racconta l’emarginazione metropolitana e il mondo delle etichette indipendenti attraverso un codice di simboli raccolti da uno sguardo attento sui muri della città. Affamato di linguaggio suono e colore, l’artista usa toni acidi e stridenti abbinati all’irruzione di spunti cromatici caldi come il giallo, il rosso e il marrone


Da quanto tempo fai l’artista e quali differenze noti fra i tuoi esordi e oggi?

Da quanto non lo so, sin dal liceo mi sono interessato all’arte contemporanea, poi la visita casuale a Berlino, anzi al muro di Berlino ha segnato il mio lavoro.
Le differenze, secondo me, in questi ultimi decenni, è che oggi sembra tutto omologato, globale.

Quali tematiche trattano i tuoi lavori e che progetti hai in programma?

La parola è il soggetto del mio lavoro, parole che prendo da canzoni che ascolto, parole che trovo in contesti urbani (dalle scritte sui muri a loghi di negozi). Al momento sto lavorando su tre parole, hurt myself today, che ho preso dalla canzone dei nine inch nails, e che mi stimolano molto visivamente e con molte possibilità di scrittura

Bartolomeo Migliore
Courtesy Bartolomeo Migliore

Come ti rapporti con la città in cui vivi?

La città in cui uno vive è sempre importante, io sono sempre attratto dalle architetture delle città e in questo senso Torino è interessante, ma per me non sono importanti i “centri” ma le zone a margine

Cosa pensi del sistema dell’arte contemporanea ?

È un sistema come un altro, forse a differenza di altri, si pulisce da solo

 

Bartolomeo Migliore
Courtesy Bartolomeo Migliore

 

Che domanda vorresti ti facessi?

Non saprei…..gruppi musicali preferiti?
Nessuno

www.bartolomeomigliore.it


Intervista di Michael Rotondi

 

Please follow and like us: