SKY ABOVE SEA BELOW. Non c’è forma se non in trasformazione

Per l’edizione 2019 di Opentour, iniziativa promossa dall’Accademia di Belle Arti di Bologna invitando le gallerie della città a ospitare il lavoro di giovani artisti ancora in formazione, si è assistito a un gran numero di mostre eterogenee e trasversali tra le quali si è distinta Sky Above, Sea Below presso GALLLERIAPIÙ, visitabile fino al 19 luglio 2019.
Daniele Di Girolamo e Manrico Pacenti, i due artisti protagonisti, condividono gli spazi della sede espositiva con un’installazione ambientale dal sapore amniotico, che nasce dal desiderio di essere diversa dalla somma delle parti. Un approccio quasi gestaltico dal quale germoglia, timidamente, un’idea originale di relazione allestitiva e, soprattutto, concettuale.
Sky Above, Sea Below si presenta perturbante all’occhio del visitatore. Il pavimento-sotto-mare è scandito dal lavoro di Di Girolamo: piccole vasche quadrate di colore nero illudono lo sguardo circa il loro contenuto liquido mentre l’aereo, il sopra-cielo, si estroflette dalle pareti insistentemente presentandosi sotto la forma delle sculture proto-geometriche calcarizzate create da Pacenti.
La mostra, inconcepibile nelle sue singolarità, è indissolubilmente legata all’idea di Pacenti e Di Girolamo secondo cui il paesaggio è un contenuto relazionale, fenomenologico si potrebbe azzardare, che si esprime in correlazioni e rapporti intrecciati. Da amalgama fa il suono e la sua capacità morfogenetica che, nella mostra, si fa agente attivo, scolpendo l’acqua demineralizzata delle vasche in PVC e violentando le sculture in un processo di ibridazione digitale. Il risultato è un paesaggio lontano dalla raffigurazione, adorno tuttavia di scorci e orizzonti, che si mostra nella sua eterogeneità non per la varietà dei media utilizzati ma per le relazioni che tra questi si innescano.



previous arrow
next arrow
Slider


Un paesaggio totale, dunque, che aspira a emanciparsi da una visione logica parte-tutto e che rifugge il glimpse, lo sguardo fugace, reinterpretandosi attraverso il feedback acustico. La ruvidezza microscopica dei moduli di Pacenti, tremendamente increspati nelle loro linee, e i sussulti dell’acqua delle vasche generano nel visitatore un’esperienza plurisensoriale in cui l’organo della vista si adagia sugli altri sensi.
Le altezze e le profondità percettive e concettuali con cui i lavori si protraggono nello spazio restituiscono un paesaggio complesso nel suo minimalismo espositivo, che guarda alla Cina e alla sua tradizione come narrata dal sinologo francese François Jullien1: fonte preziosa per i due artisti. Il paesaggio, scrive Jullien, non ha una forma costante, così come è instabile e inaccoglibile, nella sua totalità, Sky Above, Sea Below e l’idea di paesaggio che rappresenta. Forti della teoria e dell’instancabilità della propria ricerca, Daniele Di Girolamo e Manrico Pacenti hanno creato un’esposizione impeccabile, nella forma e nella sostanza, senza cadere in tautologie, lasciando intravedere una maturità artistica densa e compatta.
È necessario dedicare una riflessione finale al lavoro di Veronica Veronesi, direttrice di GALLLERIAPIÙ che ha accolto la sfida lanciata da Opentour invitando i due artisti e offrendo loro una piattaforma avida di sperimentazione, un’operazione che ha permesso allo spazio di ricevere una Menzione Speciale in occasione di Art Up Premio della Critica e del Collezionismo.

Martina Aiazzi Mancini


1 Vivre de paysage ou L’impensé de la Raison, Gallimard, Paris, 2014 (Vivere di paesaggio o l’impensato della ragione, tr. it. d. C. Tartarini, Mimesis, F. Marsciani (a cura di), Milano-Udine, 2017).


Daniele Di Girolamo – Manrico Pacenti

Sky Above, Sea Below

21 giugno – 19 luglio 2019

Gallleriapiù – Via del Porto, 48 – Bologna

www.gallleriapiu.com

Instagram: gallleriapiu


Caption

Sky Above, Sea Below – Exhibition view, Gallleriapiù, Bologna, 2019 – 7 moduli: stampa 3d in plastica PLA, carbonato di calcio con supporto in alluminio, misure variabili; due vasche in PVC con speaker, 25x25x17 cm – Courtesy Stefano Maniero e Gallleriapiù

Manrico Pacenti – Sky Above, Sea Below, Gallleriapiù, Bologna, 2019 – Modulo, stampa 3d in plastica PLA, carbonato di calcio con supporto in alluminio, GALLLERIAPIÙ, Bologna – Courtesy Stefano Maniero e Gallleriapiù

Daniele Di Girolamo – Sky Above, Sea Below, Gallleriapiù, Bologna, 2019 – Vasca in PVC con speaker, 25x25x17 cm – Courtesy Stefano Maniero e Gallleriapiù

Sky Above, Sea Below – Exhibition view, Gallleriapiù, Bologna, 2019 – 7 moduli: stampa 3d in plastica PLA, carbonato di calcio con supporto in alluminio, misure variabili; due vasche in PVC con speaker, 25x25x17 cm – Courtesy Stefano Maniero e Gallleriapiù



Please follow and like us: