Young curators + gabber culture + Italian artists = Capriccio 2000. An interview to Lucrezia Calabrò Visconti, Hannah Zafiropoulos, Rosa Tyhurst & Jeppe Ugelvig.

A seguire, versione in italiano.

Capriccio 2000 is a collective exhibition of young Italian artists, open until September 15 at the Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Developed by Hannah Zafiropoulos, Rosa Tyhurst and Jeppe Ugelvig, it is the conclusion of the educational project Young Curators Recidency Program curated by Lucrezia Calabrò Visconti.

Lucrezia Calabrò Visconti since 2018 is the curator of the Young Curators Residency Program promoted for the past thirteen years by the Sandretto Re Rebaudengo Foundation. Can you tell us how the residence is structured and what is your role? How was for you to take this plunge into the past in search of a nebulous culture, but at the same time rich of history like the gabber and Italian techno harcore scene?

The Young Curators Residency Programme is structured as a period of intensive research on the Italian context that culminates with a group exhibition in the spaces of the Fondazione. The three international curators are supported in the research and development of the project by an Italian curator who acts as a sort of tutor, a filter towards the national artistic scene and mediator between the three curators and the institution. My role is therefore to “curate” a residency not only through my perspective on the national system, but also thinking about the specific interests of the three curators. At the same time I try to provide a vision as articulated and complete as possible of the Italian art scene, through the definition of research tools that facilitate the development of the final exhibition project. One of the strengths of the research on hardcore has certainly been its historical and geographical transversality: the research topic allowed the curators to research recent Italian history without exotising it but also without flattening it on a dominant global cultural discourse. Personally, as a native of the province of Brescia (one of the Italian cradles of hardcore), it was interesting for me to consider this extremely controversial cultural phenomenon, imagining its potential for critical analysis and artistic production.

Hannah Zafiropoulos, can you tell us about the curatorial format you have chosen for Capriccio 2000 and how your approach in the staging of the artworks reflects and dialogues with the concept you have chosen.

We wanted to think about how the exhibition could be a space of embodiment rather than a representational space of archival material. From the outset we understood that this exhibition could never be a cultural history, so we wanted to take a different approach. The publication acts as a counterpoint: it gives a much more detailed history through the eyes of people who were there at the time. The exhibition instead tries to recreate a mood and atmosphere through an immersive approach. We mostly selected works which did not explicitly talk about our theme, but gestured to it in more complex ways, through colours, textures or motifs that connected to our key concepts of electronic dance music, youth culture and post-industrial landscapes. The exhibition then aimed to open that up into a spatial dimension. We wanted to undermine the ‘white cube’ and create something more tactile and evocative, so we worked a lot with light and sound. The coloured lights we used helped to create pathways through the space for the audience, and imbued the works with a sense of warmth. The amber colour derives from Andrea De Stefani’s work, where it is used as a reference to industrial areas lit up at night. We then chose to introduce pink into the room, allowing the colours to blend to suggest the first morning sun, which connects strongly with our theme. In terms of sound, we chose to play the beautifully hypnotic soundtrack to Dafne Boggeri’s video piece in stereo throughout the entire room, allowing it to wash over the other works and help create a consistent landscape. Every hour, a short, intense extract of Lorenzo Senni’s soundtrack to Michele Rizzo’s dance performance HIGHER xtn. (redux 5) plays, creating a violent juxtaposition that aims to temporarily quicken the pace of the exhibition. After all, we are talking about hardcore.

Rosa Tyhurst, what was the decision-making process for the selection of the artists? What kind of dialogue has been established between you and them in the construction of the exhibition.

Fortunately, the initial idea for Capriccio 2000 came early. This meant as we travelled around Italy on our “grand tour” we could be specific in our research and meet artists, curators, and scholars who had relevant expertise and interests. As for selecting who would participate, some artists we decided upon very early on in the process whilst others came into view later on when we had a clearer idea of the exhibition as a whole. The short time frame for the residency programme meant that we largely selected existing works for the show. However we did commission a new piece (More Friends, 2019 by Caterina De Nicola) and we invited Andrea De Stefani, Andrea Magnani and Michele Rizzo, to re-configure existing works (Dry Landscape Babylon Beach, 2018, The Divination Running Project, 2012-ongoing and HIGHER xtn. (redux #5), 2015, respectively). As such, communication with those artists was deeper than with the others but I would say that the all conversations we’ve had each artist has been super rich and stimulating.

Jeppe Ugelvig, in your catalog there are contributions from important theorists of the Italian rave and techno scene such as Valerio Mattioli, DJ Balli and Federico Chiari. Which elements of this subculture, in particular, do you consider interesting for the project and how the contribution of these theorists has helped you to research this topic?

A big part of our project was encountering and learning from non-artists and specialists in the field, some of whom are featured in the book. In trying to bridge a cultural/musical history to an exhibition on contemporary art, we found it crucial to lean on and learn from local experts. We are fascinated in the rural stories, myths, and histories of this time that are specific to Italy – the superclubs of Brescia, Rimini, the rave scenes of Rome and Milan – and thinking about them was an essential way to make the project feel relevant to a local context.

Last question for all young curators. What idea emerged of the suburbs and the Italian rave culture? What differences and similarities did you find with similar sub-cultures in your home countries? What about the Italian art scene?

JU: I think we ultimately ended up with a very complex image of Italian youth culture. Italy’s close proximity to France and Switzerland allowed for the production of a shared continental European spirit through youth media at the time; at the same time, Italy’s vastness and cultural singularity spawned highly local derivatives of “international” trends. In italy, these trends clash and interact with politics, geography, class, art – and comparing that unique dynamic with subcultures elsewhere has been super fun.

RT: I recently co-curated an exhibition in San Francisco that told the story of a group of artists active in the city around the turn of the millennium. Unlike Capriccio 2000 it was a historical show but looking at a similar time period, in the city I’ve lived in for the last three years, was particularly interesting. During this time in SF, artists retreated, they looked inwards to domestic spaces and interiors, showing their work in intimate locations to their closest confidants. Very different to the post-industrial areas in Italy we were thinking about. The music too, was different. Guitar-led and influenced by the DIY folk scene, it was relate-able in some ways (see Jeppe’s essay: Hardcore as folklore) but aurally, couldn’t be much further apart.



previous arrow
next arrow
Slider


Capriccio 2000 è una mostra collettiva, di giovani artisti italiani, visitabile fino al 15 settembre presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Realizzata a cura di Hannah Zafiropoulos, Rosa Tyhurst e Jeppe Ugelvig, è la conclusione del progetto educativo Young Curators Recidency Program curato da Lucrezia Calabrò Visconti.

Lucrezia Calabrò Visconti, dal 2018, è la curatrice della residenza per giovani curatori promossa, da ormai tredici anni, dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Ci puoi raccontare come si struttura la residenza e qual è il tuo ruolo all’interno di essa? Com’è stato, per te, compiere un tuffo nel passato alla ricerca di una cultura nebulosa, ma allo stesso tempo ricca di storia, come quella del gabber e della techno harcore italiana?

La Residenza per giovani curatori internazionali si struttura come un periodo di ricerca intensiva sul territorio italiano che culmina con un progetto di mostra collettivo. I tre curatori vengono affiancati, nella ricerca e nello sviluppo del progetto, da un curatore italiano che agisce come una sorta di tutor, filtro verso la scena artistica nazionale e mediatore tra i tre e l’istituzione. Il mio ruolo è quello di “curare” una residenza che parta non solo dal mio sguardo sul sistema nazionale, ma anche dagli interessi specifici dei tre curatori, e che, allo stesso tempo, fornisca una visione il più possibile articolata e completa della scena artistica italiana, attraverso la definizione di strumenti di ricerca che facilitino lo sviluppo del progetto di mostra finale. Uno dei punti di forza della ricerca sull’hardcore è stato, sicuramente, la sua trasversalità storica e geografica: ha permesso ai curatori di ricercare la storia italiana recente senza esotizzarla e senza appiattirla su un discorso culturale globale dominante. Personalmente, essendo originaria della provincia di Brescia (una delle culle italiane dell’hardcore), è stato interessante riguardare questo fenomeno culturale estremamente controverso immaginandone le potenzialità di analisi critica e di produzione artistica.

Hannah Zafiropoulos, puoi parlarci del format curatoriale che avete scelto per la realizzazione di Capriccio 2000 e in che modo la vostra messa in scena curatoriale rispecchia e dialoga con il concept utilizzato?

Volevamo pensare a come la mostra potesse essere uno spazio di embodiements piuttosto che uno spazio rappresentativo di materiale archivistico. Sin dall’inizio abbiamo capito che questa mostra non sarebbe mai potuta essere una ricostruzione storico-culturale, quindi, abbiamo voluto adottare un approccio diverso. La pubblicazione funge da contrappunto: dà una storia molto più dettagliata attraverso gli occhi delle persone che hanno vissuto quel momento. La mostra cerca, invece, di ricreare un’atmosfera attraverso un approccio coinvolgente. Abbiamo selezionato, per lo più, opere che non parlassero esplicitamente del nostro tema, le abbiamo gestite in modi complessi, attraverso colori, trame o motivi che si collegavano ai nostri concetti chiave di musica dance elettronica, cultura giovanile e paesaggi postindustriali. La mostra ha mirato ad aprire questa ricerca in una dimensione spaziale. Volevamo indebolire il “white cube” e creare qualcosa di più tattile ed evocativo, quindi abbiamo lavorato molto con la luce e il suono. Le luci colorate hanno contribuito a creare percorsi attraverso lo spazio per il pubblico e hanno intriso le opere con un senso di calore. Il colore ambrato deriva dal lavoro di Andrea De Stefani, viene utilizzato come riferimento per le aree industriali illuminate di notte. Abbiamo scelto di introdurre il rosa nella stanza, permettendo ai colori di fondersi per suggerire il primo sole del mattino che si collega fortemente con il nostro tema. In termini di suono, abbiamo scelto di riprodurre la colonna sonora magnificamente ipnotica del video di Dafne Boggeri, in stereo, in tutta la stanza, permettendogli di influenzare le altre opere, contribuendo a creare un paesaggio coerente.

Ogni ora viene riprodotto un estratto breve e intenso della colonna sonora di Lorenzo Senni per lo spettacolo di danza HIGHER xtn. (redux #5) di Michele Rizzo, creando una contrapposizione violenta che mira a velocizzare temporaneamente il ritmo della mostra. Dopotutto, stiamo parlando di hardcore.

Rosa Tyhurst, come avete scelto gli artisti, visivi e sonori, da invitare? Che tipo di dialogo si è instaurato tra voi e loro nella costruzione della mostra?

Fortunatamente, l’idea di Capriccio 2000 è arrivata presto. Questo significava che mentre viaggiavamo per l’Italia durante il nostro “grand tour” potevamo essere specifici nella nostra ricerca e incontrare artisti, curatori e studiosi che avevano competenze e interessi rilevanti sull’argomento d’indagine. Per quanto riguarda la selezione di chi avrebbe partecipato, alcuni artisti li avevamo decisi già all’inizio del processo, altri li abbiamo scelti più tardi, quando abbiamo avuto un’idea più chiara della mostra nel suo insieme. Il breve lasso di tempo per il programma di residenza ci ha condotto, nella maggior pare dei casi, ha selezionare lavori già esistenti. Tuttavia, abbiamo commissionato un nuovo pezzo (More Friends, 2019 di Caterina De Nicola) e abbiamo invitato Andrea De Stefani, Andrea Magnani e Michele Rizzo a riconfigurare opere esistenti (Dry Landscape Babylon Beach, 2018; The Divination Running Project, dal 2012 e HIGHER xtn. (redux #5), 2015). La comunicazione con gli artisti citati era più profonda che con gli altri, ma direi che tutte le conversazioni che abbiamo avuto sono state super ricche e stimolanti.

Jeppe Ugelvig, nel vostro catalogo sono presenti contributi di importanti teorici e studiosi della scena rave e techno italiana come Valerio Mattioli, Dj Balli e Federico Chiari. Quali elementi di questa sottocultura, in particolare, considerate interessante per il vostro progetto e quanto i contributi di questi teorici vi hanno aiutato nella vostra ricerca.

Una grande parte del nostro progetto è consistita nell’apprendimento scaturito nell’incontro con non artisti e specialisti del settore, alcuni dei quali sono presenti nel libro. Nel tentativo di collegare una storia culturale e musicale a una mostra sull’arte contemporanea, abbiamo ritenuto fondamentale seguire e imparare da esperti locali. Siamo affascinati dalle storie, dai miti e dalle culture periferiche di questo periodo, che sono specifiche per l’Italia – i superclub di Brescia e Rimini, le scene rave di Roma e Milano. Pensare a loro era un modo essenziale per far sentire il progetto rilevante a un contesto locale.

Ultima domanda per tutti i Young curators. Che idea è emersa della periferia urbana e della cultura rave italiana? Che differenze e analogie avete trovato con sottoculture analoghe nei vostri paesi di origine? Che rapporti con la scena artistica italiana?

JU: Abbiamo trovato un’immagine molto complessa della cultura giovanile italiana. La stretta vicinanza dell’Italia alla Francia e alla Svizzera ha permesso la produzione di uno spirito europeo/continentale condiviso attraverso i media giovanili dell’epoca; allo stesso tempo, la vastità e la singolarità culturale dell’Italia hanno generato derivati altamente locali di tendenze “internazionali”. Nel paese, queste tendenze si scontrano e interagiscono con la politica, la geografia, la classe sociale, l’arte; confrontare quella dinamica unica con le sottoculture di altri luoghi è stato molto divertente.

RT: Recentemente ho co-curato una mostra a San Francisco che raccontava la storia di un gruppo di artisti attivi nella città al volgere del millennio. A differenza di Capriccio 2000 è stato uno spettacolo storico, ma guardando un periodo di tempo simile, nella città in cui ho vissuto negli ultimi tre anni, è stato particolarmente interessante. Durante questo periodo, a San Francisco, gli artisti si ritiravano, guardavano verso gli spazi domestici e gli interni, mostrando il loro lavoro in luoghi intimi alle persone con cui erano più in confidenza. Molto diverso dalle aree post-industriali in Italia a cui pensavamo. Anche la musica era diversa. Guidato dalla chitarra e influenzato dalla scena folk fai-da-te, era in qualche modo correlato (come potete leggere nel saggio di Jeppe: Hardcore come folklore) ma a livello di ascolto sonoro era davvero molto diverso.

A cura di Irene Angenica


Dafne Boggeri, Caterina De Nicola, Andrea De Stefani, Lorenza Longhi, Andrea Magnani, Michele Rizzo, Giuliana Rosso

Capriccio 2000

A cura di Rosa Tyhurst, Jeppe Ugelvig e Hannah Zafiropoulos

15 aprile – 15 settembre 2019

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – Via Modane, 16 – Torino

www.fsrr.org

Instagram: fondazionesandretto


Caption

Capriccio 2000 – Installation view, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, 2019 – Courtesy Fondazione Sandretto Re Rebaudengo



Please follow and like us: