5Q to Galleria Inconsueta

Raccontateci del vostro project space, quando è nato, chi fa parte del team e da quali idee si è sviluppato il progetto.

Rosa Selavi : Galleria Inconsueta è uno spazio espositivo indipendente, nato a Maggio 2017 all’interno dell’edificio occupato Ri-make. La curatela del progetto è stata affidata a Rosa Selavi, l’immagine grafica allo studio di grapich design Firm, due persone si occupano del reperimento fondi, della logistica generale, delle parti allestitive, della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e della eventuale vendita delle opere. Siamo anche supportati da diversi amici e amiche che ci accompagnano in quest’ avventura senza avere un ruolo specifico. La Galleria nasce a seguito di una collaborazione di tre amici per costruire uno spazio di lavoro / laboratorio; verificato l’interesse per la nostra attività da parte di diverse persone, abbiamo avuto l’opportunità di costruire, letteralmente, lo spazio espositivo. Abbiamo trovato le condizioni necessarie per esistere e lo abbiamo fatto; l’idea della galleria era nell’aria da un po’ e l’abbiamo semplicemente messa in pratica. Pensavamo che nelle nostre ricerche estetiche vi fosse un’attitudine comune e ci siamo messi insieme per verificarlo, ognuno mantenendo la propria identità.

Qual è la vostra mission? Quali obiettivi per il futuro?

Nalla mostra inaugurale, Prologo, a cura di Rosa Selavi, abbiamo presentato lo spazio vuoto con le pareti tinte di giallo fluorescente, a segnalare la nascita di qualcosa di nuovo, uno spazio, innanzitutto di pensiero e di possibilità. Sui vetri, visibile sia dall’esterno sia dall’interno, “guardare l’arte / esserne guardati”, una scritta domandava testualmente all’osservatore dentro e fuori dallo spazio espositivo: “Può essere l’Arte uno strumento di lotta?” Il testo critico recitava: “Noi crediamo che l’Arte debba entrare nella Realtà, e la Realtà nell’Arte”. Era, ed è, la nostra posizione, ma stiamo ancora verificando questa ipotesi e continueremo a farlo.
Lo strumento d’indagine che utilizziamo sono le mostre d’Arte: chiediamo agli Artisti che collaborano con noi di far sentire il più forte possibile la loro voce; ogni esposizione è però anche parola di un discorso generale che via via stiamo sviluppando.

Quali progetti avete sviluppato finora, con quali artisti avete lavorato e che ambito della sperimentazione prediligete all’interno del vostro spazio?

La seconda mostra che abbiamo proposto è stata la prima personale di Giuditta Aresi (Treviglio, 1989), Brava Bravissima: dando parola agli oggetti industriali, alle confezioni di prodotti, ai sacchetti, Giuditta ha proposto una personale visione di cosa significhi assumersi il ruolo di Artista nella contemporaneità. La terza mostra è stata la personale di Andrea Grandi (Busto Arsizio, 1985), Quattro periferie con un museo al centro, una riflessione sul concetto di centro e periferia tramite un pensiero architettonico, urbanistico e umanistico. Una storia ambientata tra Baggio, Bruzzano, Calvairate, Rozzano e Affori. Per la quarta mostra, Il favoloso mondo di Patty, abbiamo esposto 13 disegni di Patrizia Cercamondi (Settimo milanese, 1979). Patrizia è artista, in totale solitudine, da 20 anni e portatrice di sindrome di down. Quinta mostra dell’anno è stata Quasi Poesie di Alan il realista (Pampuro, 1983), un’esposizione che spaziava tra la non poesia, l’Arte, lo sberleffo alla street art e l’attivismo politico. Durante l’anno abbiamo presentato tre aperitivi in cui Rosa Selavi raccontava la vita e l’opera di artisti storicizzati che sentiamo vicini alla nostra pratica – Duchamp, Klein, Manzoni – e organizzato una presentazione del disco Entropia 3 di Egreen. In generale, ci piacciono il disegno, la pittura e la scultura; tentiamo sempre di produrre oggetti fisici che siano dei contenitori di senso perché crediamo nell’Aurea dell’Opera d’Arte. Ci piacciono molto i graffiti di New York degli anni ’70 e ’80, e le scritte in generale. Apprezziamo la musica rap e derivati. Ci sentiamo molto italiani ma comunque cittadini del mondo. A partire da questi interessi approfondiamo le nostre ricerche.



previous arrow
next arrow
Slider


In Italia sta sorgendo una rete sempre più fitta di project space, secondo voi da quali esigenze nasce e che prospettive future avrà questo fenomeno?

Ci sembra di avvertire, dietro a questo movimento di energie, una volontà di proporre progetti che non aderiscono totalmente alle caratteristiche e alle modalità di funzionamento di un modello classico di galleria. Rispetto alle prospettive, pensiamo che potrà resistere chi raggiungerà un buon grado di indipendenza economica e chi riuscirà a produrre una buona offerta culturale, elaborando una proposta figlia di una visione profonda.

Galleria Inconsueta è tra i project space milanesi che faranno parte di SPAZI 2018, volete raccontarci il progetto che presenterete durante i giorni del festival?

Il progetto che presenteremo per spazi 2018 si intitola Ostriche, a cura di Marco Laudadio. Sarà una mostra collettiva degli Artisti con cui collaboriamo: Alfano, Aresi, Cercamondi, Grandi, Porro, Realista e Selavi.
L’esposizione prende come spunto l’ideale dell’ostrica di Giovanni Verga per rileggere la pratica dei singoli artisti e proporre uno sguardo sulla realtà che osserviamo e viviamo tutti i giorni.

a cura di Irene Angenica


Galleria Inconsueta

Instagram: galleria_inconsueta


Caption

Galleria Inconsueta (veduta esterna) – Patrizia Cercamondi, Il favoloso mondo di Patty – Courtesy Galleria Inconsueta, ph Daniele Coppa

Veduta Galleria Inconsueta – Courtesy Galleria Inconsueta, ph Daniele Coppa.

Andrea Grandi, Case popolari di via Saintbon – Courtesy Galleria Inconsueta, ph Daniele Coppa.

Patrizia Cercamondi, Cuore Agitato – Courtesy Galleria Inconsueta, ph Daniele Coppa.

Giuditta Aresi, Thank you! – Courtesy Galleria Inconsueta, ph Daniele Coppa.



Please follow and like us: